Prezzi grano tenero settembre 2019

Prezzi grano tenero al 16 settembre 2019.

Grano teneroPer quanto riguarda i prezzi del frumento tenero nazionale prosegue il trend ribassista.

A Milano il “panificabile” è calato di 1 euro/t sulla voce minima e 2 euro/t sulla massima; il prezzo medio è ora 187,50 euro/t arrivo Lombardia. Invariate le altri classi merceologiche (“forza” 224 euro/t).

A Bologna tutte le voci sono scese di 1 euro/t; il “fino” vale ora 187,50 euro/t partenza (“forza” 209,50 euro/t). I grani esteri hanno subìto un ribasso di 2 euro/t a Milano.

Su mercati a termine internazionali sono scaduti i titoli di settembre, e le quotazioni per dicembre 2019 mostrano qualche segno di recupero dopo i ribassi delle scorse settimane. Il Matif ha chiuso la settimana a 170,25 euro/t (+3,50 euro/t).

A Chicago la scadenza di dicembre ha chiuso venerdì a 483,4 cent/bushel (+19,6 cent/bushel rispetto a lunedì scorso, 161,2 euro/t). Da notare che le prossime scadenze del 2020 sono in rialzo e quotano comunque prezzi più alti rispetto a quelli attuali.

In Francia iI prezzo fob di Rouen per merce del nuovo raccolto quota 164 euro/t, con un aumento di 1 euro/t.

Il frumento tenero nazionale continua a registrare lievi cali di prezzo, mentre sui mercati esteri è in atto un recupero delle quotazioni.

prezzi_grano_tenero_settembre_2019_lunedì_16


Prezzi grano tenero al 9 settembre 2019.

Per quanto riguarda i prezzi del frumento tenero nazionale prosegue il trend ribassista.

A Milano tutte le voci di qualità superiore sono calate di 1 euro/t, il prezzo medio del “panificabile” è ora 189 euro/t arrivo Lombardia (“forza” 224 euro/t).

A Bologna tutte le voci sono scese di 2 euro/t; il “fino” vale ora 188,50 euro/t partenza (“forza” 210,50 euro/t). Ovviamente i grani esteri hanno subìto ribassi analoghi.

Su mercati a termine internazionali prosegue la fase ribassista, anche perché i titoli per settembre sono di imminente scadenza ed è scattata la corsa alla vendita. Il Matif di settembre ha chiuso la settimana a 158,50 euro/t (-5,75 euro/t). A Chicago la scadenza di settembre 2019 ha chiuso venerdì a 460,2 cent/bushel (-9 cent/bushel rispetto a lunedì scorso – 153,47 euro/t).Da notare che anche le prossime scadenze di dicembre sono in ribasso.

In Francia iI prezzo fob di Rouen per merce del nuovo raccolto quota 163 euro/t, con un calo di 4 euro/t.

Il frumento tenero nazionale continua a ribassare, così come sui mercati esteri.

prezzi grano tenero settembre 2019 lunedì 9


Prezzi grano tenero al 2 settembre 2019.

Per quanto riguarda i prezzi del frumento tenero nazionale si inizia a delineare un trend ribassista, dovuto soprattutto ai cali rilevati per la merce estera.

A Milano la voce massima del listino del “panificabile” è calata di 2 euro/t, il prezzo medio è ora 190 euro/t arrivo Lombardia.

A Bologna tutte le voci sono scese di 2 euro/t; il “fino” vale ora 190,50 euro/t partenza (“forza” 212,50 euro/t). C’è da aggiungere che purtroppo la qualità non è d’aiuto.

I mercati a termine internazionali prosegue la fase ribassista, che questa settimana ha colpito anche le quotazioni negli USA. Il Matif di settembre ha chiuso la settimana a 164,25 euro/t (-1,25 euro/t).

A Chicago la scadenza di settembre 2019 ha chiuso venerdì a 451,2 cent/bushel (-24 cent/bushel, 150,46 euro/t). Il calo è legato alle aspettative migliorate per il prossimo raccolto, anche le scadenze successive mostrano prezzi più alti (maggio 2020: 479 cent/bushel), segno che gli operatori si aspettano qualche possibile tensione sui mercati internazionali.

In Francia iI prezzo fob di Rouen quota 167 euro/t, con un aumento controtendenza rispetto al Matif di 2 euro/t.

Il frumento tenero nazionale inizia a calare, così come negli USA.

prezzi grano tenero settembre 2019 lunedì 2