Prezzi grano tenero luglio 2024

Prezzi grano tenero all’8 luglio 2024.

I prezzi del frumento tenero nazionale del nuovo raccolto hanno esordito a Bologna con prezzi bassi. Sui mercati a termine e in Francia i prezzi sono in leggero recupero.

I prezzi del frumento tenero nazionale del nuovo raccolto hanno esordito a Bologna (a Milano il rilevamento è ancora sospeso) su livelli decisamente più bassi rispetto alla chiusura della campagna 2023/24. Il “forza” vale mediamente 300 euro/t, il “panificabile superiore” 242,50 euro/t, il “panificabile” 222,50 euro/t. Le categorie inferiori si piazzano tra 215 euro/t e 193 euro/t.

Viste le problematiche qualitative nel nord della pianura padana, molta merce finirà ad uso zootecnico con notevoli cali di reddito per le aziende agricole.

I mercati a termine hanno chiuso con quotazioni in leggero rialzo. Sul Matif il titolo di settembre ha chiuso venerdì scorso a 228,75 euro/t (+3,50 euro/t). A Chicago il future di luglio ha ripreso 12 cent/bushel; la chiusura di venerdì è 572,2 cent/bushel (194,35 euro/t); per settembre la quotazione è 590,4 cent/bushel, in rialzo di 17 cent/bushel.

Anche sul mercato fisico francese le quotazioni sono in rialzo. Il prezzo fob di Rouen per il frumento panificabile superiore è 240 euro/t (+5 euro/t) per il vecchio raccolto e 228 euro/t per merce del nuovo raccolto resa al porto; il panificabile di base vecchio raccolto quota 222 euro/t fob Mosella (invariato).

Andamento dei prezzi nazionali del grano tenero

(dal 13 giugno Bologna e dal 18 giugno Milano hanno sospeso le quotazioni – le quotazioni sono riprese a Bologna il 4 luglio)


Prezzi grano tenero al 1° luglio 2024.

I prezzi del frumento tenero nazionale non vengono più rilevati. Sui mercati a termine e in Francia i prezzi sono praticamente invariati.

I prezzi del frumento tenero nazionale non vengono ancora rilevati. I prezzi dei frumenti esteri d’importazione sono ancora in calo. Viste le piogge persistenti, si temono ripercussioni negative sulla qualità del raccolto.

I mercati a termine hanno chiuso con un quotazioni praticamente invariate. Sul Matif il titolo di settembre ha chiuso venerdì scorso a 224,75 euro/t (+0,25 euro/t).

A Chicago il future di luglio ha perso 8 cent/bushel; la chiusura di venerdì è 553,4 cent/bushel (189,72 euro/t); per settembre la quotazione è 573,4 cent/bushel, in discesa di 3 cent/bushel.

Anche sul mercato fisico francese le quotazioni sono in ribasso. Il prezzo fob di Rouen per il frumento panificabile superiore è 235 euro/t (-2 euro/t) per il vecchio raccolto e 223 euro/t per merce del nuovo raccolto resa al porto; il panificabile di base vecchio raccolto quota 222 euro/t fob Mosella (-1 euro/t).