Prezzi grano duro settembre 2019

Prezzi grano duro al 16 settembre 2019.

Grano duroPer quanto riguarda il frumento duro nazionale, tutti i prezzi sono rimasti fermi ai livelli della settimana precedente.

A Milano il “fino” Nord vale 240 euro/t; per il Centro (arrivo molino Lombardia) il prezzo medio del “fino” è 255 euro/t.

A Foggia il prezzo medio “fino” è invariato a 257,50 euro/t; così come il “bio” (prezzo medio 405 euro/t).

Sul listino di Bologna la quotazione media del “fino” Centro è 237,50 euro/t arrivo Emilia (“fino” Nord 227,50 euro/t).

I motivi del fermo dei prezzi sono diversi: al Sud i molini si sono ormai coperti almeno fino alla fine dell’anno (anche per l’arrivo di merce estera già acquistata negli scorsi mesi), e al Centro-Nord la domanda è virtualmente ferma.

In Francia il prezzo per merce resa a Port-La-Nouvelle è fermo a 225 euro/t; la merce francese non è di qualità eccelsa, ma trova comunque compratori in Italia a 243-245 euro/t.

Le quotazioni del frumento duro nazionale sono ferme.

prezzi_grano_duro_settembre_2019_lunedì_16


Prezzi grano duro al 9 settembre 2019.

Per quanto riguarda il frumento duro nazionale a Milano sono rimasti invariati i prezzi medi per il “fino” Nord, fermi a 240 euro/t; per il Centro (arrivo molino Lombardia) è stato rilevato invece un aumento di 5 euro/t (prezzo medio “fino” 255 euro/t, con la specifica che si tratta di una quotazione nominali vista l’assenza di transazioni.

A Foggia il prezzo medio “fino” è invariato a 257,50 euro/t; l’unica voce in aumento è il “bio”, che è aumentato di 5 euro/t (prezzo medio 405 euro/t).

Il listino di Bologna ha rilevato un aumento di 2 euro/t per tutte le categorie e provenienze; la quotazione media del “fino” Centro è pertanto di 237,50 euro/t arrivo Emilia (“fino” Nord 227,50 euro/t). Si tratta di un aggiustamento appena sufficiente a ristabilire le condizioni reali del mercato, visto che la merce di buona qualità vale almeno 10 euro/t di più rispetto alla quotazione ufficiale.

In Francia il prezzo per merce resa a Port-La-Nouvelle è sceso ancora di 5 euro/t e vale ora 225 euro/t; a questi prezzi il prodotto francese torna ad essere interessante per gli importatori italiani.

Le quotazioni del frumento duro nazionale sono in lieve aumento al Centro-Nord.

prezzi grano duro settembre 2019 lunedì 9


Prezzi grano duro al 2 settembre 2019.

Per quanto riguarda il frumento duro nazionale a Milano è rimasto tutto invariato rispetto agli inizi di agosto: i prezzi medi per il “fino” sono fermi a 240 euro/t per la provenienza Nord e 250 euro/t per il Centro (arrivo molino Lombardia).

A Foggia il prezzo medio “fino” (così come per le altre categorie) è aumentato di 5 euro/t ed è ora 257,50 euro/t.

Giovedì scorso il listino di Bologna ha rilevato un aumento di 2 euro/t per tutte le categorie e provenienze; la quotazione media del “fino” Centro è pertanto di 235,50 euro/t arrivo Emilia (“fino” Nord 226,50 euro/t). Le quotazioni reali in Italia centrale sono in realtà più elevate, soprattutto per la merce proteica (>14% proteine) che vale circa 245 euro/t partenza Marche.

In Francia il prezzo per merce resa a Port-La-Nouvelle è sceso di 5 euro/t e vale ora 230 euro/t; la ragione del ribasso è lo scarso interesse dei compratori francesi.

Le quotazioni del frumento duro nazionale sono ancora in aumento, soprattutto al Sud.

prezzi grano duro settembre 2019 lunedì 2