Prezzi orzo luglio 2019

Prezzi orzo al 15 luglio 2019

OrzoDopo gli aggiustamenti al ribasso delle scorse settimane, le quotazioni dell’orzo nazionale sono rimaste invariate.

L’orzo “pesante” a Milano vale mediamente 172,50 euro/t arrivo Lombardia (“leggero” 164,50 euro/t).

A Bologna i prezzi medi sono rispettivamente 169,50 euro/t per il “pesante” e 164,50 euro/t per il “leggero” (>64 p.s.).

In Francia l’orzo foraggiero del nuovo raccolto è quotato 157 euro/t, con rialzo di 1 euro/t nel corso della settimana.

Orzo nazionale invariato.


Prezzi orzo all’8 luglio 2019

La nuova campagna di commercializzazione dell’orzo nazionale sta entrando nel vivo, con sostanziosi ribassi su tutte le piazze.

L’orzo “pesante” ha perso a Milano 3 euro/t, il prezzo medio attuale è 172,50 euro/t arrivo Lombardia (“leggero” 164,50 euro/t).

Bologna i prezzi medi sono scesi di 4 euro/t; le quotazioni attuali sono rispettivamente 169,50 euro/t per il “pesante” e 164,50 euro/t per il “leggero” (>64 p.s.).

Il problema principale è che gli operatori non erano preparati a gestire una tale massa di prodotto, di conseguenza sia i mangimifici sia i centri di stoccaggio sono pieni di merce difficile da vendere sul pronto.

In Francia l’orzo foraggiero del nuovo raccolto è quotato 157 euro/t, con ribasso di 7 euro/t nel corso della settimana.

L’eccesso di offerta di orzo nazionale spinge all’ingiù i prezzi.


Prezzi orzo al 1° luglio 2019

Sono state rilevate le prime quotazioni dell’orzo nazionale a Milano e a Bologna.

Il prezzo medio d’esordio per il “pesante” a Milano è 175,50 euro/t arrivo Lombardia (“leggero” 167,50 euro/t).

A Bologna i prezzi medi sono rispettivamente 172,50 euro/t per il “pesante” e 168,50 euro/t per il “leggero” (>64 p.s.). In generale la qualità dell’orzo raccolto sino ad oggi sembra buona, e i pesi specifici sono mediamente più alti rispetto allo scorso anno.

In Francia l’orzo foraggiero del nuovo raccolto è quotato 164 euro/t, con rialzo di 4 euro/t nel corso della settimana.

Pubblicate le nuove quotazioni dell’orzo al Centro-Nord, con prezzi molto più bassi rispetto alla vecchia campagna ma superiori alle aspettative.