Prezzi grano tenero gennaio 2023

Prezzi grano tenero al 23 gennaio 2023.

Grano teneroPrezzi in ribasso per i frumenti teneri nazionali, calo delle quotazioni anche in Francia.

A Milano il calo rilevato è di 3 euro/t per tutte le categorie: il “forza” quota un prezzo medio di 420 euro/t, il “panificabile” e il “biscottiero” valgono mediamente 340 euro/t.

A Bologna tutti i frumenti perdono 5 euro/t: il prezzo medio del “fino” è ora 336,50 euro/t, il “forza” vale 402,50 euro/t.

Sui mercati a termine internazionali i prezzi sono pressoché invariati negli USA, mentre a Parigi il future di marzo è in ribasso. Infatti, sul Matif il titolo ha chiuso giovedì a 284,75 euro/t (-4 euro/t). A Chicago la scadenza di marzo ha perso solamente un cent/bushel; la chiusura di venerdì è 741,4 cent/bushel (251,82 euro/t).

Anche il mercato fisico francese ha perso posizioni negli ultimi giorni. Il prezzo fob di Rouen per il frumento panificabile di alta qualità è ora 320 euro/t (-5 euro/t)), mentre il panificabile di base perde 6 euro/t e ora quota 259 euro/t fob Mosella.

prezzi grano tenero gennaio 2023 lunedì 23


Prezzi grano tenero al 16 gennaio 2023.

Prezzi invariati per i frumenti teneri nazionali, ribassi in tutta Europa.

A Milano il “forza” quota un prezzo medio di 423 euro/t, il “panificabile” e il “biscottiero” valgono mediamente 343 euro/t.

A Bologna il prezzo medio del “fino” è fermo a 341,50 euro/t, il “forza” resta invariato a 407,50 euro/t. Sono invece in calo i frumenti esteri, con ribassi da 5 a 10 euro/t per merce comunitaria.

Sui mercati a termine internazionali i prezzi sono pressoché invariati negli USA, mentre a Parigi il future di marzo (gennaio è scaduto) ha subìto forti ribassi. Infatti, sul Matif il titolo ha chiuso giovedì a 288,75 euro/t (-11,25 euro/t). A Chicago la scadenza di marzo ha guadagnato, dopo una settimana piuttosto volatile, 0,5 cent/bushel; la chiusura di venerdì è 743,6 cent/bushel (252,57 euro/t).

Anche il mercato fisico francese ha perso posizioni negli ultimi giorni. Il prezzo fob di Rouen per il frumento panificabile di alta qualità è ora 325 euro/t (invariato), mentre il panificabile di base perde 8 euro/t e ora quota 265 euro/t fob Mosella.

prezzi grano tenero gennaio 2023 lunedì 16


Prezzi grano tenero al 9 gennaio 2023.

Prezzi invariati per i frumenti teneri nazionali di base, ribassi sui mercati esteri.

A Milano il “forza” (3 gennaio) quota un prezzo medio di 423 euro/t, il “panificabile” e il “biscottiero” valgono mediamente 343 euro/t, dopo un ribasso di 8 euro/t rilevato lo scorso 22 dicembre.

A Bologna è stato rilevato il 23 dicembre un ribasso di 2 euro/t per tutte le categorie ad eccezione del “forza”; il prezzo medio del “fino” è ora 341,50 euro/t, il “forza” resta invariato a 407,50 euro/t.

Sui mercati a termine internazionali i prezzi sono stati in rialzo sino ai primi giorni dell’anno nuovo, per poi scendere bruscamente nella seconda metà della settimana passata. Sul Matif il future di marzo ha chiuso giovedì a 301,50 euro/t (-7,25 euro/t). A Chicago la scadenza di marzo ha perso 20 cent/bushel; la chiusura di venerdì è 751,4 cent/bushel (262,51 euro/t).

Anche il mercato fisico francese ha perso posizioni negli ultimi giorni. Il prezzo fob di Rouen per il frumento panificabile di alta qualità vale ora 300 euro/t, mentre il panificabile di base quota 273 euro/t fob Mosella. Gli operatori francesi imputano le perdite alla forte concorrenza russa sui mercati tradizionali di sbocco del Nord Africa e del Medio Oriente.

prezzi grano tenero gennaio 2023 lunedì 9