riviste agricoltura, agricoltura biologica, giardinaggio, normativa comunitaria agricoltura, politica ambientale italiana, frutticoltura, viticoltura, coltivazione biologica

rivista agricoltura biologica, informazioni normativa agricola, libri agricoltura, coltivazione agricoltura biologica  
coltivazione ortaggi, rivista giardinaggio, frutticoltura, politica ambientale italiana
 
   

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





agricoltura, coltivazione agricoltura biologica, rivista macchine agricole, mensile agricoltura, politica ambientale italiana, informazioni agricoltura, riviste agricole specializzate, potatura piante, lavori orto, coltivazione biologica, prodotti tipici agricoltura, turismo rurale, coltivazione vite, coltivazione olivo, coltivazione ortaggi, frutticoltura

Bruxelles: filo diretto
La news Elenco delle news Home page
Phil Hogan, gli aiuti diretti saranno distribuiti in modo pių equo

Phil Hogan, commissario Ue all'agricoltura, illustra a grandi linee il futuro dei pagamenti diretti secondo la bozza di riforma della Pac presentata il 1 giugno 2018 a Bruxelles. Video elaborato dall'Informatore Agrario a partire da materiale audiovisivo dell'Unione europea.



Gli agricoltori sono imprenditori che sanno adattarsi ai cambiamenti e operano in quella che è spesso una situazione di mercato molto volatile, in cui i livelli di reddito non possono essere garantiti. A differenza della maggior parte di noi, gli agricoltori sono costretti a creare reddito in tutte le condizioni di rischio e di meteo.

E' in queste circostanze che gli agricoltori si procurano il loro reddito.

I pagamenti diretti resteranno una parte essenziale della politica agricola comune, poiché il reddito degli agricoltori deve essere sostenuto per garantire la sicurezza alimentare per la nostra popolazione e promuovere un settore agricolo intelligente e resiliente.

Tuttavia, la più equa distribuzione dei pagamenti diretti è una questione che abbiamo identificato nella comunicazione di novembre.

Proponiamo pertanto un tetto agli aiuti, che tiene conto dei costi del lavoro in azienda per evitare danni all'occupazione. Gli Stati membri avranno la possibilità di fissare un limite tra 60.000 e 100.000 euro. Tra questi due valori si applicherà un sistema di degressività.

Gli importi liberati saranno ridistribuiti all'interno di ciascuno Stato membro attraverso un regime di aiuti obbligatorio per garantire che una quota più elevata dell'assegnazione dei pagamenti diretti di ciascun paese vada agli agricoltori di piccole e medie dimensioni, il cuore del nostro modello di azienda agricola familiare europea.

Gli Stati membri potranno inoltre offrire ai piccoli agricoltori una somma forfettaria anziché un pagamento annuale, una procedura amministrativa molto più semplice rispetto alla presentazione delle domande annuali. Spetterà a ciascuno Stato membro definire come classificare i piccoli agricoltori, dato che il settore agricolo di ciascun paese è diverso.

Come ulteriore contributo all'impegno della Commissione di garantire una più equa distribuzione dei pagamenti diretti, nelle proposte del quadro finanziario pluriennale abbiamo previsto il proseguimento del processo di convergenza esterna [Il processo che fa convergere il valore all'ettaro degli aiuti nei diversi paesi verso la media europea, ndr].

L'Informatore Agrario
Il settimanale tecnico ed economico di agricoltura professionale

 
 
Banca Dati Online Conosci la Banca Dati Articoli Online?
... scopri la notevole mole di contenuti digitali utili per la tua professione o la tua passione

esplora la banca dati online

la ricerca

trova 

© 2018 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati   
Ho capito Questo sito web utilizza i cookie. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione.