riviste agricoltura, agricoltura biologica, giardinaggio, normativa comunitaria agricoltura, politica ambientale italiana, frutticoltura, viticoltura, coltivazione biologica

rivista agricoltura biologica, informazioni normativa agricola, libri agricoltura, coltivazione agricoltura biologica  
coltivazione ortaggi, rivista giardinaggio, frutticoltura, politica ambientale italiana
 
   

elenco prodotti in vendita
n°prodotti: 0
Totale: E. 0,00
cassa

chi siamo





agricoltura, coltivazione agricoltura biologica, rivista macchine agricole, mensile agricoltura, politica ambientale italiana, informazioni agricoltura, riviste agricole specializzate, potatura piante, lavori orto, coltivazione biologica, prodotti tipici agricoltura, turismo rurale, coltivazione vite, coltivazione olivo, coltivazione ortaggi, frutticoltura

Attualita'
La news Elenco delle news Home page
PAC, senza certificato antimafia niente soldi

Il 19 novembre prossimo entra in vigore la legge 17 ottobre 2017, n. 161 che contiene «Modifiche al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione».
Si potrebbe pensare che l’interesse per il mondo agricolo sia marginale, ma la legge invece contiene un comma che potrebbe avere effetti devastanti per l’agricoltura italiana. All’articolo 28 «Acquisizione dell’informazione antimafia per i terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei» si legge: «All’articolo 91 del decreto legislativo  6  settembre 2011, n. 159, dopo il comma 1 è inserito il seguente: 1-bis. L’informazione antimafia è sempre richiesta nelle ipotesi di concessione di terreni agricoli demaniali che ricadono nell’ambito dei regimi di sostegno previsti dalla Politica agricola comune, a prescindere dal loro valore complessivo, nonché su tutti i terreni agricoli, a qualunque titolo acquisiti, che usufruiscono di fondi europei». 
Cioè la cosiddetta certificazione antimafia deve essere presentata per tutte le pratiche che prevedono la concessione di fondi europei. Niente certificazione, niente soldi della Pac.
Già sappiamo che i pagamenti da parte di Agea e degli organismi pagatori sono in cronico ritardo, ora questa norma porterà dal 19 novembre allo stop di tutto il meccanismo
La lotta alla mafia in tutte le sue articolazioni è sacrosanta, ma forse l’ignoto estensore del comma 1-bis non si è reso conto che le Prefetture si troveranno di fronte a circa 3 milioni di domande. Un compito impossibile per una macchina burocratica perfettamente funzionante, figuriamoci per la farraginosa e inefficiente burocrazia italiana.
L’unica speranza per non decretare la fine dei finanziamenti comunitari all’agricoltura italiana è che venga approvato un emendamento al decreto fiscale, attualmente all’esame del Senato, che elimini le ultime righe del comma incriminato.
L’alternativa è il caos totale.


Tratto dall’articolo pubblicato su L’Informatore Agrario n. 41/2017 a pag. 7
Il certificato antimafia obbligatorio rischia di bloccare tutti gli aiuti Pac
L’articolo completo è disponibile anche sulla Rivista Digitale
 

L'Informatore Agrario
Il settimanale tecnico ed economico di agricoltura professionale

 
 
Banca Dati Online Conosci la Banca Dati Articoli Online?
... scopri la notevole mole di contenuti digitali utili per la tua professione o la tua passione

esplora la banca dati online

la ricerca

trova 

© 2018 Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. - Tutti i diritti riservati   
Ho capito Questo sito web utilizza i cookie. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione.